gototopgototop

Maurizio Artusi
Robbie Pezzuol nel Giardino degli AranciPDFStampaE-mail
Sabato 18 Gennaio 2014 16:19
Scritto da Maurizio Artusi


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

Pezzuol 2014 01Robbie Pezzuol con Giuseppe D'AngeloLo scorso 15 Gennaio 2014, presso il Ristorante-Pizzeria Il Giardino degli Aranci di Monreale (PA), si è svolta la consegna ufficiale dei diplomi di appartenenza e l'assegnazione degli incarichi ufficiali del nuovo Pizza Team Don Robbie School, creato solo pochi mesi fa nel Gennaio 2013 dal riminese Robbie Pezzuol.
La squadra siciliana parte numerosa sin da subito, ben 54 gli associati capitanati dal carismatico Giuseppe D'Angelo, ma anche molto agguerrita, l'obiettivo è infatti partecipare a gare e concorsi in tutta Italia con la maglia del team Don Robbie, e curare l'adeguamento professionale dei soci. Padrino d'eccezione è stato Robbie Pezzuol in persona arrivato da Rimini per l'occasione, il quale, oltre a consegnare i diplomi ha illustrato ai presenti, con un breve ma appassionato discorso, gli obiettivi del Team che, riesumando la rivoluzione francese, possono secondo me essere riassunti con le tre parole: libertà, uguaglianza e fratellanza tra uomini ed associazioni. Quindi, in primo piano l'uomo, il pizzaiolo e solo dopo, l'aspetto economico. I principi del Pizza Team Don Robbie coincidono perfettamente con gli ideali di lealtà, fedeltà, integrità e trasparenza declamati durante la riunione da Giuseppe D'Angelo. E' dunque iniziata la rivoluzione tra le associazioni della pizza palermitana e siciliana? All'evento non poteva mancare La Fenice, importante sponsor e sostenitore del gruppo, rappresentato per l'occasione dal suo titolare Bartolo Crivello, distributore delle farine e prodotti dei Molini del Ponte di Filippo Drago di Castelvetrano.

Questi sono gli incarichi del nuovo Pizza Team Don Robbie School Sicilia, elencati per tipologia ed all'interno di essa alfabeticamente per cognome:

Giuseppe D'Angelo - delegato Sicilia;
Vincenzo Mineo - istruttore;
Daniele Vaccarella - istruttore;
Pietro Scarpinato - coordinatore scuola;
Rosario Terzo - coordinatore scuola;
Giuseppe Vitrano - coordinatore scuola e titolare della Pizzeria Alla Botte di Misilmeri, sede dei corsi.

PizzeriaArancio 02Chef Sergio Ciziceno ed Angela Di GiornoCome spesso capita in questi casi, ogni riunione diventa una buona occasione per sedersi a tavola e fraternizzare, possibilmente mangiando bene. A soddisfare tale necessità è intervenuta la professionalità dello Chef Sergio Ciziceno che, con la moglie Angela Di Giorno, gestisce da circa due anni Il Giardino degli Aranci. Io conoscevo già Sergio ma non la sua cucina, lo avevo intervistato durante la recensione della sua pizzeria per Pizza buona si può, essa infatti è uno dei pochi locali che pratica la maturazione dell'impasto a Palermo e provincia e l'unico a Monreale, ciò grazie alla presenza di Rosario Passantino, già allievo e amico di Giuseppe D'Angelo. Sergio ha fatto gli onori di casa con alcuni antipasti abbastanza tipici, a base di frittura di paranza, arancinette, salmone affumicato in proprio, gamberetti crudi, panelline ed altre leccornie, ma il bello è venuto dopo, al momento di consumare le portate successive.

Pezzuol 2014 02Paccheri alla carruba con ragout di maialino nero dei Nebrodi

La carruba in questione era stata utilizzata sotto forma di farina per tagliare la semola dell'impasto dei paccheri. La carruba è tendenzialmente dolce, ma stavolta non lo era in maniera spiccata, consentendo così una bella integrazione con un perfetto ragout di maialino, vivacizzato da Sergio con un po' di semi di finocchio. Il piatto era interessante anche cromaticamente nonostante i colori scuri, grazie alle sue particolari sfumature marroni, che di volta in volta fondevano o distaccavano il colore quasi nero della pasta con quello translucido del ragout.

Pezzuol 2014 03Maccheroncini alle castagne con pescatrice ed alga di mare

Rieccocci con un altro primo la cui pasta era stata preparata con un blend di farine, stavolta utilizzando quella di castagne. Anche i maccheroncini non erano eccessivamente dolci, in essi la castagna si manifestava più col colore dorato che col sapore. Il primo impatto olfattivo con questo piatto è stato molto forte, la causa era da ricercarsi nella esclusiva decorazione a base di alga marina adottata da Sergio il quale, avendo lavorato per diverso tempo nella zona del catanese, ama utilizzare materie prime provenienti da quel territorio. Infatti, ecco il maialino nero, le carrube, le castagne, tutti prodotti che si trovano più facilmente nella Sicilia Occidentale piuttosto che nell'Orientale, infine però è arrivato il vero tocco da maestro: l'uso dell'alga Mauro che si trova solo lungo la linea costiera vulcanica del catanese. Freschissima la pescatrice, amalgamata con la pasta grazie all'uso del suo fegato, nei pezzetti distribuiti nel piatto si poteva sentire il gusto del mare che si fondeva con quello dell'alga, dando una straordinaria sensazione di risacca marina.

Pezzuol 2014 04Orata in panatura di pistacchio con patate duchessa alla mandorla

Cuocere un filetto di orata può sembrare facile ma vi invito a provare a casa, il risultato non è sempre garantito. Le sue carni sono morbide, relativamente grasse, in misura maggiore quando di allevamento, ma nonostante ciò è facile farla seccare in forno o in padella, rendendola stopposa e poco piacevole. Nel piatto di Sergio i filetti erano succosi e quindi morbidissimi, prova ne è la facilità con cui ho tolto la pelle, ma anche la panatura di pistacchio, rimasta viva e gustosa e non bruciacchiata come purtroppo spesso capita. Unico neo, la presenza di spine che rendevano traditore il boccone! Il contorno, invece, era la dimostrazione di come si possa riciclare un classico come la patata duchessa sbanalizzandolo per bene. Essa era composta dal solito purè, ma modellato a forma di pera e cosparso da scaglie tostate di mandorla, presumo però che in questo caso il passaggio in forno sia stato molto veloce.

Pezzuol 2014 05Parfait alle mandorle

In chiusura, Sergio Ciziceno ha giocato sul sicuro scegliendo un parfait di mandorla nella sua versione più classica, preparandolo tra l'altro a pochissimi chilometri dal Ristorante La Botte dei Cascino, inventori tanti anni fa di questo dolce da loro poi battezzato Alì Pascià. La versione del Giardino degli Aranci era molto piacevole, ma l'ho trovata un po' sbilanciata sul croccante di mandorle e zucchero caramellato, per un amante dell'equilibrio e dell'armonia come me prevalevano troppo, ovviamente a tanti altri piacerà così com'è. Infine, me lo aspettavo con un gusto un po' più pannoso o forse la base era coperta dal già citato caramello. Posso però garantire che, nonostante l'abbondante pranzo, il piatto del mio dolce è tornato indietro perfettamente pulito.

Ho già espresso, nella mia recensione relativa alla pizzeria, perchè quella de Il Giardino degli Aranci possa definirsi la migliore pizza di Monreale, considerando che, alla luce delle approfondite informazioni che sono riuscito a raccogliere, essa è attualmente l'unico locale del paese che prepari l'impasto con la tecnica della maturazione, fornendo pertanto un prodotto più digeribile. Dopo il pranzo qui illustrato, posso serenamente affermare che Il Giardino degli Aranci prepara i piatti del ristorante in linea con la sua pizza, concomitanza che raramente ho incontrato nei locali da me finora recensiti per la rubrica Pizza Buona si può.



 



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


Tags:

 

Su questo sito web si può liberamente leggere
e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
non rubate per rispetto del lavoro altrui,
non rubate perchè perdereste l'onestà,
non rubate perchè diventereste dei ladri,
non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
-------
Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
libere opinioni dell'autore delle stesse.

Licenza Creative Commons
CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

Facebook

Twitter

YouTube

Cerca produttori

Il video di CucinArtusi.it