gototopgototop

Maurizio Artusi
Il martedì di XeravuliPDFStampaE-mail
Mercoledì 16 Febbraio 2011 17:01
Scritto da Maurizio Artusi


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

Xeravuli_2011Dopo l' Azienda Agricola Colomba, con il loro Pyrama imbottigliato in soli 3.000 esemplari, ecco un'altra piccola cantina, la Xeravuli, sempre nella stessa zona di Piana degli Albanesi e con la stessa quantità prodotta. La Cantina Xeravuli produce ben tre etichette con solo 1 ettaro di vigneti, poche migliaia di piante il cui vino riesce a riempire appunto solo 3.000 bottiglie.

Considerando la collocazione dei vigneti, sono da evidenziare le enormi difficoltà di coltivazione della vite nella zona in questione. Le viti, situate a 720 metri di altezza, subiscono un clima molto rigido che causa un vero e proprio ritardo della natura fino quasi a ridosso dell'estate, per poi recuperare rapidamente con fiori, gemme e frutti.

Grazie agli Amici PerBacco il 15 Febbraio, presso l' Arco Antico, con la presenza di Alessandro Bennici, in rappresentanza della cantina, e Francesca Tamburello, sommelier, ho avuto la possibilità di assaggiare tutte e tre le etichette di Xeravuli: il blend di Merlot e Cabernet, il Nero d'Avola e infine il Cabernet in purezza, anche se quest'ultimo non era ancora pronto per essere commercializzato. Per tutte le etichette l'annata era quella del 2008, con un affinamento in barrique di circa 12 mesi. La bottiglia che mi ha colpito di più è stata quella del Nero d'Avola, dove la vaniglia della barrique era netta, un picco non contaminato dalla solita complessità conferita dal legno in questi casi. Per il resto, in tutte le etichette, emergeva la bassa elaborazione effettuata in vigna e in cantina, con profumi che viravano dalla marasca alla ciliegia arrivando fino al pepe, mostrando inoltre una buona concentrazione del vino. Il Cabernet, come previsto, aveva ancora bisogno di un ulteriore affinamento, ma d'altronde, l'inclusione di quest'ultimo nella degustazione, voleva solo essere una chicca, più che altro per soddisfare la curiosità.



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


    Tags:

     

    Su questo sito web si può liberamente leggere
    e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
    ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
    non rubate per rispetto del lavoro altrui,
    non rubate perchè perdereste l'onestà,
    non rubate perchè diventereste dei ladri,
    non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
    non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
    non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
    e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
    -------
    Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
    del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
    E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
    Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
    libere opinioni dell'autore delle stesse.

    Licenza Creative Commons
    CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

    Facebook

    Twitter

    YouTube

    Cerca produttori

    Il video di CucinArtusi.it