gototopgototop
                                                    RSS Feed RSS

newsletter


Maurizio Artusi
Una Cassata da 1000 Kg per il Miarp 2010PDFStampaE-mail
Martedì 21 Settembre 2010 12:00
Scritto da Maurizio Artusi

CassatonaA Guarrato, frazione di Paceco in provincia di Trapani, Sabato 18 Settembre 2010 nell'ambito del 6° Miarp, Meeting Internazionale Artigiani Pasticcieri, è stato ottenuto il Guinness dei primati con la cassata più grande mai realizzata. L'obiettivo dichiarato era quello di superare i 1.000 Kg ed è stato raggiunto coi suoi 1.029 Kg, come certificato dal giudice inglese Liz Smith, appositamente mandato da Londra per verificare il corretto svolgimento della prova e assegnare l'ambito certificato.

Organizzato dall'Associazione no-profit C.S.C. Sviluppo per Paceco, attiva nell'ambito della solidarietà nei confronti di coloro che sono nati meno fortunati, il Miarp nasce grazie alla SicilyForm, espressione della C.S.C. nel settore della formazione professionale. All'interno della scuola opera l' Aspec, associazione di pasticcieri e cuochi siciliani fondata sulla garanzia di tracciabilità delle materie prime.

Miarp_2010_1La cassata è stata ideata dal presidente dell'Aspec Saverio D'Anna, coordinatore del team, e da Leonardo La Placa, gli altri nomi dei realizzatori in ordine alfabetico sono: Michele Barbera, Davide Di Noto, Enrico Di Pasquale, Vito Filingeri, Giuseppe Giarraffa, Anna Magro, Nino Mineo, Martino Parrinello, Davide Saputo, Vito Termine e Francesco Vivona.
Impresa pesante per i 13 pasticcieri che hanno ottenuto il Guinness, tante ore di sonno perse e tanto stress che finalmente si è dissolto nel nulla nel momento in cui, i due Presidenti D'Agata e D'Anna, hanno alzato le mani in segno di vittoria: "Ormai è fatta, abbiamo il Guinness".
I numeri dell'impresa sono rilevanti, ecco la ricetta: 600 kg di ricotta, 80 kg di cioccolato, 80 kg di zucchero,230 kg di canditi, 120 kg di pasta reale, 70 kg di pan di spagna, 86 kg di zucchero fondente. Purtroppo però a casa non la potete fare, il procedimento è segreto !

Il poliedrico presidente della C.S.C., Dott. Francesco D'Agate, sempre presente in tutte le fasi della manifestazione, mi ha anche confidato una ricetta, tipica del luogo,  tramandata dalla sua famiglia: il condimento "ra Za Rosa" del Baglio Cantello. Il condimento, molto particolare, si prepara iniziando con il classico soffritto di aglio e cipolla, poi si aggiunge un passato al setaccio di uva, fichi d'india maturi e pomodoro pizzuto, quindi ci si condisce la pasta ed infine si aggiungono fette di melanzane fritte oppure di melone giallo, rinomato quello di Paceco, infarinato e fritto.

Miarp_2010_2Madrina d'eccezione della serata è stata Laura Ravaioli, che ha tagliato il primo pezzo della storica cassata. L'impresa ha avuto anche un padrino di rilevanza internazionale, Paolo Caridi, Vicepresidente nazionale Confederazione Pasticcieri Italiani (Con.Pa.It), calabrese, attivo come ambasciatore del bergamotto nel mondo e nella diffusione della cultura pasticcera italiana in Bielorussia.

Ma il Miarp è stato anche fiera con tanti espositori e divese occasioni per trovare prodotti interessanti. Dopo aver ammirato i cosiddetti Pani Votivi di Paceco sono passato a qualcosa che si potesse assaggiare. Grazie ad un piccolo tour guidato dal gentilissimo Toruccio Miceli, della Camera di Commercio di Trapani, ho degustato un miele di cardo dell'isola di Marettimo, dei biscottini al burro con ripieno di marmellata di agrumi preparati da Fiasconaro di Castelbuono, uno spettacolare olio di nocellara dell'azienda Torre di Mezzo di Marausa per poi approdare a qualcosa di veramente particolare: un buonissimo aceto invecchiato. Vito Laudicina, in possesso di una vecchia "madre" dell'aceto, lo ha sempre prodotto e regalato agli amici e non aveva mai pensato, fino ad oggi, di trasformarlo in un prodotto commerciabile, un vero peccato non far godere ad altri questo ottimo condimento. Il Condiaroma33 ha oggi finalmente il suo packaging e Laudicina mi ha raccontato di avere attualmente una produzione di circa 50.000 bottigliette. Prodotto con uve grillo e catarratto, ha una discreta complessità di profumi, al naso ha sentori di marsala, poi arrivano le note di caffè e cioccolato, in bocca è pieno, ed anche in questo caso ritorna il marsala, nel contempo è anche morbido con un finale acidulo, così come vuole un buon aceto di vino invecchiato. Le botti utilizzate per l'invecchiamento sono delle barrique ma il periodo di affinamento non si può ben definire a causa del metodo tipo soleras adottato dal Laudicina.

Chissà cosa ci riserverà nel 2011 l'Aspec ? Magari un vero cannolo gigante al Cannoli & Friends di Piana degli Albanesi ?

ALBUM: 2010-09-18 Miarp
Loading...


 



Valutazione CucinArtusi.it:




Schede e indirizzi utili:


Tags:

 

Su questo sito web si può liberamente leggere
e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
non rubate per rispetto del lavoro altrui,
non rubate perchè perdereste l'onestà,
non rubate perchè diventereste dei ladri,
non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
-------
Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
libere opinioni dell'autore delle stesse.

Licenza Creative Commons
CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

Cerca produttori

Il video di CucinArtusi.it


Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId